Cerca

10 cose da fare e da vedere a Vicenza, la città di Palladio (1/2)


Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere a Vicenza durante la vostra visita alla città del Palladio



Non c'è modo migliore per presentare Vicenza di quello che dice la lista del patrimonio mondiale dell'Unesco: "Vicenza è un risultato eccezionale considerando i molti contributi architettonici di Andrea Palladio... Grazie alla sua architettura, la città ha esercitato una forte influenza sull'architettura e l'urbanistica della maggior parte dei paesi europei e del mondo intero."

Visitare Vicenza, quindi, significa essenzialmente seguire le tracce della vita e delle opere di Palladio: tutti i monumenti più rappresentativi della città sono capolavori palladiani. Partendo da Piazza dei Signori con la Basilica Palladiana e il Palazzo del Capitanio, il viaggio prosegue lungo Corso Palladio, espressione della complessità dell'opera palladiana, fino all'eccezionale Teatro Olimpico.

A soli 15 minuti dal centro della città, le linee armoniose di Villa La Rotonda sono una gioia per gli occhi.

Vicenza è una città molto accogliente: può essere visitata a piedi o in bicicletta, e offre buon cibo e grande ospitalità! Scopri qui i nostri consigli su cosa fare e vedere a Vicenza durante una vacanza o durante il weekend.


Piazza dei Signori a Vicenza


Bella e armoniosa, Piazza dei Signori è il perfetto esempio di piazza italiana; è ancora il centro degli affari di Vicenza e il cuore della sua vita sociale, come lo è sempre stata nei secoli passati. Si può iniziare la visita dalle due colonne: una con in cima il leone di San Marco (1473), che rappresenta il periodo in cui Vicenza era sotto il controllo della Repubblica di Venezia, l'altra con il Cristo Redentore (1647) in onore della città e dei suoi cittadini.

A sinistra delle colonne si può vedere il primo dei capolavori di Palladio: la Basilica, con accanto la torre Bissara, alta 82 metri. A destra si vede il Palazzo del Monte di Pietà al centro della facciata della chiesa di San Vincenzo. Accanto al Monte di Pietà c'è il Palazzo del Capitanio, costruito da Andrea Palladio nel 1565 per dare al Capitanio, rappresentante della Repubblica di Venezia, una degna residenza. La facciata, con quattro colonne, introduce una loggia a volta sormontata da una sala che oggi ospita le riunioni del consiglio comunale. Le basi delle colonne sono bianche perché ricoperte di intonaco; purtroppo Palladio non ha avuto il tempo di coprire il resto delle colonne in mattoni, quindi rimangono rosse. Il lato destro dell'edificio è decorato con statue, emblemi e decorazioni che celebrano la vittoria veneziana nella battaglia di Lepanto del 1571.to in 1571.


La Basilica Palladiana


La prima cosa da dire è che la Basilica Palladiana non è intesa come un luogo di culto. Palladio scelse questo nome per ricordare l'antica Roma, dove la basilica era il centro politico e commerciale della città. Quest'opera, infatti, che rappresenta la summa dell'architettura palladiana, sostituì il vecchio Palazzo della Ragione. Ci sono voluti 60 mila ducati e tutta la pietra bianca di Piovene Rocchette, sull'Altopiano di Asiago, per costruire questo capolavoro. Una scala di marmo porta alla loggia superiore, da cui si accede alla terrazza con il caratteristico tetto a carena di rame rovesciato. Quando è aperta, c'è un bar con alcuni tavoli e una vista straordinaria.


Corso Andrea Palladio a Vicenza


Se si prende una qualsiasi delle stradine dietro la Basilica Palladiana ci si imbatte in Corso Andrea Palladio, la via principale di Vicenza, ovviamente intitolata al genio e in suo onore. Luogo dello shopping e del passeggio vicentino, in gran parte fiancheggiato da portici, questa via racconta la storia della città veneta con le sue ville, quasi tutte progettate da Palladio, i negozi, i musei e le chiese.

Piazza Castello e Piazza Matteotti sono alle estremità di Corso Palladio. Ci sono molte ville da vedere lungo Corso Palladio: Palazzo Thiene Bonin Longare; l'incompiuto Palazzo Porto Breganze; la Chiesa di San Filippo Neri con due dipinti del Solimena; Palazzo Trissino-Baston, oggi sede del Municipio, che si collega con un passaggio al Palazzo del Capitaniato in Piazza dei Signori. Avvicinandosi a Piazza Matteotti si incontra il Palazzo Ca' d'Oro; la Chiesa di San Gaetano di Thiene; la chiesa della Sacra Corona dove si conserva una spina della corona di Gesù che viene esposta il Venerdì Santo a Pasqua. Andrea Palladio fu sepolto in questa chiesa prima che i suoi resti fossero trasferiti nel cimitero principale di Vicenza. Palazzo Leone Montanari, che viene dopo, è famoso per la sua straordinaria collezione di icone russe, la più grande al mondo fuori dalla Russia. Una volta in Piazza Matteotti, due capolavori di Palladio meritano una visita approfondita: il Teatro Olimpico e Palazzo Chiericati.


Il Teatro Olimpico progettato da Palladio


Il Teatro Olimpico di Vicenza è un vero incanto e un pezzo estremamente importante dell'arte europea. Fino al 1580, quando Andrea Palladio fu incaricato di costruirlo, non esistevano teatri stabili in Europa. Gli spettacoli venivano presentati in luoghi improvvisati, come cortili, piazze o sale di palazzi nobiliari. Palladio presentò i disegni del teatro ma non lo vide costruito; fu suo figlio Silla che continuò a supervisionare la costruzione. Il genio progettuale di Andrea Palladio rimane evidente ancora oggi. Il Teatro Olimpico di Vicenza si ispira ai teatri romani. Palladio progettò una cavea ellittica con gradinate e un colonnato con statue. Il vero capolavoro, però, è il palcoscenico, con un proscenio su due ordini aperto da tre archi e ritmato da semicolonne, con nicchie, statue e bassorilievi. Tutto contribuisce a dare uno straordinario effetto di profondità. Il capolavoro fu completato per il Carnevale del 1585, e la prima rappresentazione fu la tragedia di Sofocle ambientata nell'antica città di Tebe. La scenografia di scena fu affidata a Vincenzo Scamozzi che realizzò un miracolo, riproducendo un gioco di prospettiva che aumenta ulteriormente l'effetto di profondità. La scenografia è talmente riuscita che nessuno ha avuto il coraggio di rimuoverla, ed è ancora lì oggi.


Palazzo Chiericati a Vicenza – La Pinacoteca


Quando il nobile Girolamo Chiericati diede a Palladio l'incarico di costruire la sua villa, l'artista ebbe, per la prima volta, la possibilità di costruire una villa affacciata sullo spazio aperto, senza avere i limiti che aveva affrontato con tutte le altre ville cittadine strette nelle strade. Palladio ha così potuto non solo costruire in grandi dimensioni, ma anche utilizzare soluzioni che solitamente riservava alle ville e non alle residenze cittadine. Questa villa ha un corpo centrale con due ali simmetriche leggermente arretrate, con grandi logge al livello del piano nobile. Per difendere Palazzo Chiericati dalle frequenti inondazioni e dal bestiame che veniva venduto ogni giorno nel mercato della piazza, Palladio innalzò la residenza su un podio a cui si accede dalla scala centrale. Oggi il palazzo ospita la Pinacoteca Civica di Vicenza. Nel corso dei secoli diversi lasciti hanno arricchito il patrimonio del museo, che oggi conta opere, tra gli altri, di Tintoretto, Veronese, Van Dyck, Tiepolo e una ricca collezione di arte contemporanea.



Click here to read the next part 10 things to do and see in Vicenza (2/2)

Let us introduce you to the beauties of Vicenza!

Click here to discover our E-Bike tour around Palladio's city.