Cerca

Il Fondaco dei Tedeschi


Il Fondaco dei Tedeschi ha più di cinquecento anni ed è alla sua terza o quarta vita.

Ma cos'è esattamente il Fondaco?


Fu la stazione commerciale delle nazioni tedesche nei grandi giorni della Repubblica di Venezia, quando metà del commercio mondiale passava di qui.

Il Fondaco dei Tedeschi bruciò meno di cento anni dopo la sua nascita, nel 1318 e di nuovo nel 1505. Fu l'ultimo grande incendio, prima che in soli tre anni fosse nuovamente inaugurato e benedetto.


Nato per ospitare appunto i mercanti tedeschi, arrivarono in seguito anche gli ungheresi, gli austriaci e molti nord europei.

Il fondaco ospitava il centro nevralgico del commercio di pietre e stoffe, assumendo allo stesso tempo l'aspetto di un vero e proprio ghetto.


Fu Napoleone a trasformarlo in seguito in una dogana, prima di diventare dal 1870 un ufficio postale. L'edificio fu pesantemente ristrutturato due volte, tra il 1929 e il 1939 sotto il regime fascista Qualcuno ricorda ancora il sinistro acquario, sotto un tetto di vetro opaco di sporcizia, che veniva usato per telefonare o inviare cartoline negli anni '60 e '70.


Ora, dopo l'importante investimento dei Benetton, il Fondaco è un tempio del lusso firmato LVMH (Louis Vitton).

Che vive ancora però della sua incredibile storia, una delle mille di una Venezia ancora tutta da scoprire, anche per noi italiani.

Svelando i racconti di Venezia, qui!




2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti