Cerca

Piccolo glorioso viaggio in America

Nel 1805, Da Ponte parte per New York per... sfuggire ai suoi creditori londinesi.




Si reca infatti in America per tentare di ricominciare, con moglie e figli già andati nel Nuovo Continente, una vita ormai impossibile da portare avanti a Vienna, dove è stato coinvolto in tante audaci avventure. Ha cercato di guadagnarsi da vivere nel commercio di tabacco e alcol, negozio di alimentari e libreria prima di diventare professore di lingua e letteratura italiana al Columbia College di New York. Sempre negli Stati Uniti Da Ponte scrisse le sue Memorie, pubblicate in quattro volumi.


A New York, il 23 maggio 1826, Da Ponte eseguì Don Giovanni e fu un trionfo. Così, già nel 1826, e grazie a Da Ponte, Mozart entrò nelle scene americane. Nel 1833 raccolse fondi per la creazione di un'opera italiana a New York e portò Pietro Maroncelli, ma fu un fallimento. Morì a New York nel 1838 e ricevette un imponente funerale nella cattedrale di San Patrizio in Mulberry Street.


Uomo di lettere e avventuriero, amico di Casanova, fu anche presentatore e divulgatore della lingua, della letteratura e dell'opera italiana in America.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti