Cerca

Prestigio architettonico

Villa Caldogno è l'esempio dell'architettura palladiana della produttività, dell'operosità rurale e del prestigio della famiglia che vi si stabilisce nel 1565.

Ma Villa Caldogno nasconde all'occhio del passante un tesoro inestimabile dato dai ricchi affreschi al suo interno nati dall'inventiva e dall'abile mano di Giovanni Fasolo, Battista Zelotti e Giulio Carpioni.

Tra i soggetti che vanno dalla mitologia alla letteratura, spiccano quelli relativi alle attività della villa: divertimenti, giochi, eventi mondani, decorano la loggia e il salone centrale in un trionfo di begli abiti e chiacchiere di allegre compagnie.

Tra partite a carte e musici che allietano gli svaghi pomeridiani con le loro melodie vi è anche spazio per la merenda: due amanti infatti stanno per addentare dei bussolà veneziani, i tipici dolci a forma di ciambella.


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti